Jin-Roh: Riedizione in DVD e BD per Yamato Video

Tramite Animeclick.it riporto la notizia rilasciata dall’editore Yamato Video:

<< Riportiamo il comunicato dal sito ufficiale dell’editore:

Una favola fantapolitica dai creatori di Ghost in the Shell

https://i2.wp.com/www.animeclick.it/prove/upload/img/News33502.jpg
Jin-Roh – Uomini e lupi sarà disponibile sia in versione DVD che BD, entrambe realizzate da Yamato Video (e distribuite nei migliori punti vendita da Artist First). La prima tiratura (limitata) di entrambri i supporti includeranno un intero disco di contenuti addizionali, che sveleranno i retroscena sulla lavorazione di questo spettacolare film, una produzione costata ben 500 milioni di yen scritta da Mamoru Oshii (Ghost In The Shell) e diretta da Hiroyuki Okiura (Innocence). L’imponente produzione durata 3 anni è stata realizzata da Production I.G (Blood+).
Noi non siamo uomini travestiti da cani,
noi siamo lupi travestiti da esseri umani…
“Ho tentato di realizzare un film che Possa essere visto anche tra 10 anni”
Hiroyuki Okiura (regista).
“Sarà impossibile realizzare ancora in Giappone un film d’animazione di questa qualità”
Hiroyuki Kitakubo (regista di JoJo).
Questa Limited Edition a due dischi presenterà il film nuovamente telecinemato da pellicola 35mm su master ad alta definizione e un intero DVD di contenuti speciali. Il comparto video (16:9 anamorfico) mostra una particolare scelta stilistica (luci e atmosfere sono il frutto di una precisa volontà del regista), che crea un particolare mix con l’elaborazione digitale. Il risultato potrebbe far pensare ad rumore video che nulla ha che vedere con la qualità del master, generando una particolare resa dell’illuminazione e un’apparente perdita della definizione (specialmente nelle scene iniziali e in quelle scure).
Questa release è presentata con uno slip case da collezione riportante una illustrazione di Hiroyuki Okiura inedita in Italia. In allegato, con la prima stampa, un booklet a colori contenente note al film e curiosità. La copertina del DVD e del booklet presentano illustrazioni differenti dallo slip case.
DISCO 1
DVD contenente il film (102 min.) in formato video anamorfico 1.85:1 (rimasterizzato da master HD)
  • Lingue: Italiano Dolby Digital 5.1 / Italiano DTS 5.1, Giapponese Dolby Digital 5.1
  • Sottotitoli italiani addizionali
  • Selezione capitoli
  • Extra: Trailer originale (rimasterizzato da master HD) e sottotitolati in italiano, titolazioni finali originali, nuovo trailer italiano
DISCO 2
DVD con CONTENUTI SPECIALI (circa 50 min. approx) 4:3 letterbox / audio italiano con sottotitoli italiani / L’esclusivo disco contiene interviste a Mamoru Oshii (autore), Hiroyuki Okiura (regista), Hajime Mizoguchi (compistore delle musiche), Hiromasa Ogura (direzione artistica).
  • Speculazioni su Jin-Roh (interviste allo staff) (39 min.)
  • Il sentiero dei lupi – Guida ai segreti di Jin-Roh (7 min.)
  • Rough Comparison (confronto tra i disegni preparatori e le scene finali)
  • Art Gallery
  • Trailer originali giapponesi sottotitolati in italiano
  • Trailer italiano della prima versione DVD
Questa release è presentata con uno slip case da collezione riportante una illustrazione di Hiroyuki Okiura inedita in Italia. In allegato, con la prima stampa, un booklet a colori contenente note al film e curiosità. La copertina del BD e del booklet presentano illustrazioni differenti dallo slip case.
DISCO 1
BD contenente il film (102 min.) in formato video anamorfico 1.85:1 (1080p High Definition)
  • Lingue: Italiano 5.1 DTS Master Audio, Giapponese 5.1 DTS Master Audio
  • Sottotitoli italiani addizionali
  • Selezione capitoli
  • Extra: Trailer originale (rimasterizzato da master HD) e sottotitolato in italiano, titolazioni finali originali, nuovo trailer italiano
DISCO 2
DVD con CONTENUTI SPECIALI (circa 50 min. approx) 4:3 letterbox / audio italiano con sottotitoli italiani / L’esclusivo disco contiene interviste a Mamoru Oshii (autore), Hiroyuki Okiura (regista), Hajime Mizoguchi (compistore delle musiche), Hiromasa Ogura (direzione artistica).
  • Speculazioni su Jin-Roh (interviste allo staff) (39 min.)
  • Il sentiero dei lupi – Guida ai segreti di Jin-Roh (7 min.)
  • Rough Comparison (confronto tra i disegni preparatori e le scene finali)
  • Art Gallery
  • Trailer originali giapponesi sottotitolati in italiano
  • Trailer italiano della prima versione DVD
Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il Giappone è impegnato in una forzata rifondazione economica. Il disagio sociale, però, ha creato gruppi sovversivi, che si scontrano con i piani governativi. Per contrastare i focolai di ribellione, viene istituita la DIME, un’unità speciale autonoma equipaggiata con armamenti pesanti e armature particolari che è diventata di fatto l’unico guardiano dell’ordine pubblico. Tuttavia, i tempi stanno cambiando, l’opinione pubblica non appoggia più questa élite e per lei si prospetta un futuro incerto.
Fuse è un membro della DIME, che viene coinvolto in un complotto, per smantellare la Divisione di Sicurezza Metropolitana, di cui fa parte. Sarà una partita senza esclusione di colpi, un gioco al massacro, che non conosce regole.
Drammatico, poetico e toccante, è considerato l’ultimo capolavoro “analogico” per l’utillizzo stringato di tecniche digitali (sono davvero ridotti all’osso gli interventi della computer grafica). Questo si ripercuote sulla qualità complessiva, che ci permette di apprezzare ambienti dettagliatissimi, disegni eccellenti ed una stupenda animazione classica.
https://i2.wp.com/www.animeclick.it/prove/upload/img/News33503.jpg
Jin-Roh ospita parecchi riferimenti ai temi politici giapponesi degli anni sessanta e dell’inizio degli anni settanta. In questo periodo vi furono proteste studentesche condotte dalla sinistra principalmente, ma non esclusivamente, centrate sul Trattato di mutua cooperazione e sicurezza tra gli Stati Uniti e il Giappone. A questo movimento, che prese il nome di ANPO Hantai, parteciparono, oltre a Mamoru Oshii, anche altri due esponenti di rilievo dell’animazione giapponese, Hayao Miyazaki e Isao Takahata.

L’influenza sul Giappone della Germania nazista, avvenuta nell’universo parallelo descritto nel film, fa riferimento ai timori delle fazioni politiche di sinistra che i fascisti fossero tornati effettivamente al potere in Giappone: un famoso episodio che influenzò molto questa percezione fu l’assassinio del capo del Partito Socialista Giapponese, Inejiro Asanuma, durante un intervento alla Dieta Nazionale del Giappone in diretta televisiva (1960); ulteriori controversie furono suscitate da Nobusuke Kishi, capo del Partito Liberal Democratico (LPD) e condannato per crimini di guerra. Il senso diffuso di turbolenza di quegli anni è rappresentato durante l’intero film.

Le forze di polizia municipale presenti nel film sono ispirate, anche se esagerata in alcuni loro aspetti, alle forze speciali che vennero organizzate in conformità con l’articolo 9 della Costituzione del Giappone, che proibiva la formazione di forze armate, e in risposta alla pressione degli Stati Uniti d’America per combattere il Comunismo: entro gli anni sessanta il Giappone aveva infatti formato delle forze militari vere e proprie, ma che erano chiamate forze di polizia per rispettare formalmente la costituzione.

I dimostranti sono invece un riferimento alle forze politiche contrarie al trattato di cooperazione e sicurezza, che richiedevano però non solo la sua denuncia, ma che dimostravano anche in favore di migliori condizioni di lavoro e per ottenere cambiamenti nella politica sociale ed economica. Alla fine queste forze politiche si sfaldarono, come conseguenza di contrasti intestini e a causa di una serie di compromessi tra la burocrazia governativa, i sindacati, i keiretsu e l’LDP.

Jin-Roh presenta questa situazione politica come una allegoria della situazione recente del Giappone, che fino al 2009 è sato governato dall’LDP, con una poco influente opposizione. Questa mancanza di opposizione al potere è raffigurata dall’incapacità di Fuse di separarsi dal “branco” al quale appartiene, formando dunque una critica al Giappone come ad una società conformista che rigetta il cambiamento anche quando il momento è favorevole.

La Kerberos saga iniziò ufficialmente nel 1987, con una drammatizzazione radiofonica seguita da un film in bianco e nero, Akai Megane (“Gli occhiali rossi”). Da allora la saga è stata adattata e sviluppata in vari format, come serie manga, film dal vivo, film d’animazione e drammatizzazioni radiofoniche e, più recentemente, con un romanzo ad episodi derivati in forma animata e di cortometraggio.

Sebbene Jin-Roh sia il terzo episodio della trilogia di lungometraggi, la sua sceneggiatura lo rende in effetti il primo episodio dal punto di vista temporale, in quanto racconta gli eventi precedenti alla “rivolta Kerberos”, che si pone invece all’inizio degli altri due lungometraggi. I personaggi ricorrenti sono Bunmei Muroto di Akai Megane più altri tre personaggi apparsi nella serializzazione manga Kerberos Panzer Cops, Isao Aniya, Tatsumi Shiro e Hajime Handa.

I Kerberos e i “Cappuccetti rossi” apparvero per la prima volta nella drammatizzazione radiofonica del 1987, Aspettando gli occhiali rossi. Sia le organizzazioni e i gruppi inventati che il protect gear svolgono ruoli di rilievo nella Kerberos saga di Oshii, così come i Tachiguishi, che però non compaiono in Jin-Roh, forse in quanto l’anime non è stato diretto da Oshii in persona.

La direzione artistica si discosta parzialmente da quella del manga (ad esempio nella rappresentazione dei tratti dei personaggi animati e nelle uniformi, che sono state germanizzate per renderle compatibili con il resto dell’armamentario tedesco), mentre i veicoli e le armi sono rimasti uguali.

Il personaggio principale di Jin-Roh, Fuse, è ispirato all’Inui di Jigoku no Banken: Kerberos (Stray Dog: Kerberos Panzer Cops), il secondo lungometraggio, il quale a sua volta è ispirato al Toru Inui che appare in Kerberos Panzer Cops atto I. L’aspetto di Fuse sembra essere stato derivato da quello di Yoshikatsu Fujiki, che ha interpretato Inui in Stray Dog e che doppia Fuse nell’edizione giapponese di Jin-Roh; anche alcune sue espressioni facciali sono state riprese per il personaggio del film d’animazione. Ad ulteriore conferma della relazione tra i due personaggi è la tragica scena finale di entrambe le opere.

JinRoh doveva essere, nei progetti originali di Oshii, il terzo e ultimo lungometraggio con attori in carne ed ossa della trilogia Kerberos, ma la sua produzione non fu possibile fino al 1994, quando Oshii stava lavorando a Ghost in the Shell. Non essendo in grado di produrre due film allo stesso tempo, ma non volendo comunque cedere la direzione dell’episodio finale ad un altro regista, Oshii decise che l’ultimo episodio sarebbe stato invece un film d’animazione. Affidò così Jin-Roh ad un fidato e giovane collaboratore, Hiroyuki Okiura, il quale aveva già collaborato con lui a Ghost in the Shell e a Patlabor 2 the Movie, e per il quale JinRoh sarebbe stato il debutto da regista

 
FESTIVAL INTERNAZIONALI
  • Berlin International Film Festival – Panorama – (Germania, 9-20 Febbraio 1995)
  • Fantasporto – (Portogallo, 25 Febbraio-5 Marzo 1995)
    1. Jury’s Special Award
    2. Fantasporto Fantasia’99 Award For The Best Anime
  • Brussel Int.L Festival Of Fantasy, Science-Fiction And Thriller Films – (Belgio, 11-26 Marzo 1995)
  • Singapore International Film Festival – (Singapore, 15-30 Aprile 1995)
  • Ucla Film & Video Archive – (Usa; 7-8 Maggio 1995)
  • International Animation Film Festival Annency – (Francia, 30 Maggio-4 Giugno 1995) Competition
  • Fantasia – (Canada; 22 Luglio-14 Agosto 1995)
    Competition Second Place
  • Vancouver International Film Festival – (Canada, 02-18 Ottobre 1995)
  • 43rd London Film Festival – (U.K., 03-17 Novembre 1995)
  • Stockholm International Film Festival – (Svezia, 10-20 Novembre 1995)
  • Oslo International Film Festival – (Norway, 18-27 November 1995)
  • 29th International Film Festival Rotterdam – (Paesi Bassi, 25 Gennaio-05 Febbraio 1996)
 
LO STAFF
Il soggetto di Mamuro Oshii (Ghost In the Shell, Patlabor, Lamù)
La regia di Hiroyuki Okiura, che con Jin-Roh dirige il suo primo film, ma nonostante la giovane età di 33 anni ha ben 16 anni di carriera come animatore, vantando nel suo curriculum titoli come Akira, Patlabor 2, Memories e Ghost in the Shell, per il quale ha diretto l’animazionme e curato il character design. Le splendide musiche sono di Hajime Mizoguchi (Escaflowne, Proteggi la mia terra).
 
Soggetto originale: Mamoru Oshii
Direzione artistica: Hiromasa Ogura
Regia: Hiroyuki Okiura
Sceneggiatura: Mamoru Oshii
Musiche: Hajime Mizoguchi
Direzione dell’animazione: Tetsuya Nishio
Direzione della fotografia: Hisao Shirai
Animazione: PRODUCTION I.G
Anno di produzione: 1999
Produzione: BANDAI VISUAL PRODUCTION I.G
Copyright: © 1999 Mamoru Oshii / BANDAI VISUAL Production I.G

>>

 [Fonte: Animeclick.it, sito di Yamato Video]
Annunci

Commenta questa notizia! (Comment on this article!)

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...